Due parole per un caro amico che se n’è andato…

Queste sono occasioni in cui è estremamente difficile per tutti noi poter esprimere il proprio stato d’animo.

Gianfranco è e rimarrà sempre nei nostri cuori e non potrebbe essere, in alcun modo altrimenti.    

                                         SO-Cherubini Gianfranco

Tutti sappiamo che, indipendentemente dai suoi ultimi problemi di salute,  la sua esistenza non è stata facile.  Ma sappiamo anche che, nonostante tutto, è stato in grado di regalarci sempre e comunque quell’immancabile suo sincero sorriso.   Sempre pronto a sdrammatizzare la sua pesante situazione, in special modo in questi ultimi periodi.

L’ho sentito al telefono, al più tardi, quattro o cinque giorni fa e, nonostante avesse grande difficoltà a parlare, non un cenno al suo stato fisico alla sua situazione che da quell’uomo intelligente che era, conosceva perfettamente.   Anche se stentatamente, dalle poche cose che è riuscito a dirmi, traspariva ancora quel suo spirito allegro di sempre.   Non so dove trovasse la forza per farlo ma certo per me, nonostante i miei settantaquattro anni, è stata una grande lezione di vita.

Inutile accennare alla sua eccezionale preparazione tecnica ed alla sua immensa disponibilità nel metterci a disposizione il suo ingegno e le sue capacità, a volte senza nemmeno chiedergli di farlo.    A Gianfranco bastava coglierci in difficoltà con qualcuno dei nostri aggeggi di tiro per  presentarsi, al successivo incontro al campo, con il nostro problema risolto nelle sue mani, senza mai nulla chiedere…

Una grande perdita per tutti noi, quel suo bel vocione profondo, pieno di saggezza genuina, sempre attento nell’esprimersi e sempre gioviale, in ogni occasione e con tutti. Certo, la sua presenza, ci mancherà ma non credo che nessuno di noi potrà dimenticarlo.

_BAA3112

Gianfranco sarà con noi, al TAV Nomentano, in ogni nostra occasione d’incontro.   E se magari non lo vedremo più seduto ad un tavolo di BRAC , con la sua AA 410 tirata a lucido,

20171015_100952

 

20171119_122751

unlimited a 1

sarà comunque li, condividendo come ha sempre fatto, tutti i nostri momenti di aggregazione….

20171015_123447

Un ultimo saluto a te dal profondo dei nostri cuori.

Alla prossima grandissimo amico mio …. 

sono occasioni in cui è estremamente difficile per tutti noi poter esprimere il proprio stato d’animo.

Gianfranco è e rimarrà sempre nei nostri cuori e non potrebbe essere, in alcun modo altrimenti.    

                                         

Tutti sappiamo che, indipendentemente dai suoi ultimi problemi di salute,  la sua esistenza non è stata facile.  Ma sappiamo anche che, nonostante tutto, è stato in grado di regalarci sempre e comunque quell’immancabile suo sincero sorriso.   Sempre pronto a sdrammatizzare la sua pesante situazione, in special modo in questi ultimi periodi.

L’ho sentito al telefono, al più tardi, quattro o cinque giorni fa e, nonostante avesse grande difficoltà a parlare, non un cenno al suo stato fisico alla sua situazione che da quell’uomo intelligente che era, conosceva perfettamente.   Anche se stentatamente, dalle poche cose che è riuscito a dirmi, traspariva ancora quel suo spirito allegro di sempre.   Non so dove trovasse la forza per farlo ma certo per me, nonostante i miei settantaquattro anni, è stata una grande lezione di vita.

Inutile accennare alla sua eccezionale preparazione tecnica ed alla sua immensa disponibilità nel metterci a disposizione il suo ingegno e le sue capacità, a volte senza nemmeno chiedergli di farlo.    A Gianfranco bastava coglierci in difficoltà con qualcuno dei nostri aggeggi di tiro per  presentarsi, al successivo incontro al campo, con il nostro problema risolto nelle sue mani, senza mai nulla chiedere…

Una grande perdita per tutti noi, quel suo bel vocione profondo, pieno di saggezza genuina, sempre attento nell’esprimersi e sempre gioviale, in ogni occasione e con tutti. Certo, la sua presenza, ci mancherà ma non credo che nessuno di noi potrà dimenticarlo.

Gianfranco sarà con noi, al TAV Nomentano, in ogni nostra occasione d’incontro.   E se magari non lo vedremo più seduto ad un tavolo di BRAC , con la sua AA 410 tirata a lucido,

 

 

sarà comunque li, condividendo come ha sempre fatto, tutti i nostri momenti di aggregazione….

Un ultimo saluto a te dal profondo dei nostri cuori.

Alla prossima grandissimo amico mio ….